Accoglienza senza Confini - Ass. ONLUS



Banner_Benetton
 

Home arrow La Bielorussia
A+ | A- | Reset

Chi Ť online

Statistiche

Visitatori: 3423561
visi1
La Bielorussia
bielorussia stemma

Detta Russia Bianca, Stato (Belaruskaya Respublika)                                     dell'Europa occidentale.
Superficie
:       207.600 km2.
Popolazione
:   9.824.000 ab.
Capitale
:          Minsk. Lingua: bielorusso.
Religione:        ortodossa con minoranze cattoliche ed ebree.
Moneta:            il rublo bielorusso.
Confini
:            a ovest con la Polonia, a nord-ovest con                                                                                                              Lituania e Lettonia, a nord e a nord-est con                                                                                                       la Russia, a sud con l'Ucraina.
                                       Ordinamento
: Repubblica presidenziale.
                                                                 È divisa amministrativamente in 6 province.

 
 
belarus_map GEOGRAFIA

 

  << Clicca sulla mappa per ingrandire


 

 

È collinosa nella parte centrale e nordoccidentale; il restante territorio è generalmente pianeggiante e a tratti torboso e paludoso; ricchissima di laghi. È percorsa dal Dnepr e dalla Dvina Occidentale. Le colture più diffuse sono lino, barbabietole e patate; notevoli i prodotti dell'allevamento. Scarse le risorse minerarie, all'infuori della torba. Attive le industrie nei settori tessile, meccanico, del legno, del vetro e dei materiali da costruzione e nell'elettronica. La popolazione è composta per 78% da Bielorussi, 13% Russi, 4% Polacchi, 3% Ucraini, 1,1% Ebrei. Le città principali, oltre la capitale, sono Gomel, Vitebsk, Mogilev, Bobruisk, Grodno, Brest.

 

STORIA

Appartenente dal 1386 alla Polonia, fu contesa per secoli dalla Russia. La Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa fu fondata nel 1919; due anni dopo, con la pace di Riga, la parte occidentale fu annessa alla Polonia, che dovette cederla nuovamente all'URSS nel 1939. Il Paese fu occupato dai Tedeschi dal 1940 al 1944. Nel 1990 il Parlamento bielorusso dichiarava la sovranità della Repubblica e, nel 1991, la Bielorussia, con Russia e Ucraina, era tra i promotori della CSI. Il nuovo Stato doveva fare fronte alla questione del potenziale atomico accumulato nel periodo sovietico e nel 1992, a Lisbona, Bielorussia, Russia, Ucraina e Kazakistan sottoscrivevano con gli USA un accordo in base al quale solo la Russia rimaneva una potenza nucleare. Intanto la situazione interna era caratterizzata dalla contrapposizione fra nazionalisti e filo-russi. Le elezioni presidenziali del 1994 determinavano l'ascesa di A. Lukashenko, che avviava un processo di integrazione con la Russia (accordo doganale, 1995, e firma del Trattato di unione, 1996). L'opposizione nazionalista organizzava nel 1997 manifestazioni di protesta, cui il governo rispondeva con misure repressive. Le elezioni presidenziali del 2001 vedevano la riconferma di Lukashenko. Nel 2004 si svolgevano sia le elezioni legislative, vinte dal partito del presidente, sia un referendum sulla possibilità di prolungare oltre quelli previsti i mandati presidenziali, vinto, in un clima di pesanti intimidazioni, dal presidente. Nelle elezioni presidenziali del 2006 Lukashenko otteneva l'82,6% dei voti.

 

 

 

I Sostenitori

magnagrecia 
 
realorchestra  
 
calia
 
ziccardi
 
realmusic
 
logo_logallo_big
 
schiuma
 
promo
 

AMICI CON IL CUORE

 

cri

giovani_cri

 Un Grazie di cuore ai Giovani dell Croce Rossa Italiana di Matera per l'impegno profuso a favore dei bambini bielorussi del 3° progetto "Nuova Accoglienza 2012"

 




© 2014 Accoglienza senza Confini - Ass. ONLUS
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.